venerdì 11 settembre 2015

The Night Believer

Scopro che i Mew nonostante tutto fanno ancora musica, non uguale a prima ma nemmeno stravolta come invece han fatto gli Interpol - oh, dopo Antics e My Love to Admire proprio non sono riuscito a gustarmeli.



Il video poi è carinissimo!









(Sì, è il primo post su questo blog dopo più di un anno)

mercoledì 30 luglio 2014

test

test

Flusso di Coscienza

Mi fa sempre girare le scatole che da quando è tornato PK e ho incontrato Artibani lo sceneggiatore penso da un po' tornando a quanto pensavo prima di come volessi tornare a scrivere ma porcaboia è incredibile come tante volte vogliamo fare qualcosa ma non abbiamo nemmeno la mnima idea di come farlo. Cioè, ok bello dire di volere scrivere, così come anche il volere disegnare, poi però quando magari ti ritrovi con un portatile in mano come questo mac che un carissimo amico mi ha imprestato - tra parentesi: con odio devo dire, ma che figata di portatile - e niente non ti viene una mezza idea se non dopo un po' di fare uno stupido flusso di memoria sul blog. Che poi di flussi di memoria me ne vengono a iosa quando cammino per strada, una roba che forse un giorno mi farà ammazzare quando camminerò col rosso in circonvallazione esterna mentre mi immagino un'epica storia fantascienza - lol, WinGenzo - o penso a che cosa comprare quando mi arrivano i soldi dello stipendio.


martedì 29 luglio 2014

You are (not) a fan of Evangelion

Beh, signori, se perfino il Doc Manhattan dopo 7 anni del suo blog riesce a parlare di Evangelion, penso che nemmeno io possa ormai esimermi non solo dal parlarne, ma dal superare il blocco psicologico che mi impediva di vederne i film (nonostante il fatto che io, da tutto il materiale letto su internet, possa tranquillamente ricostruire ogni singola scena e relativa interpretazione psicologico-cabalistica).

Nel mentre un caro amico mi ha prestato il suo MacBook, e devo ammettere che non è male. Non uso mac da anni, dai tempi dell'iBook G4 il quale giace ancora in un ripiano in camera mia in attesa di riparazione. Ma non ho riscontrato particolari problemi nell'uso, anche se devo dire che sto usando OS X 10.6.8 e non le - a quanto pare - differenti versioni più recenti.


Stay tuned per una recensione di Evangelion. Dove per "recensione di evangelion" intendo, naturalmente, una recensione delle emozioni che questo accrocchio di anime mi ha fatto e mi fa provare da una decina di anni e passa.

Per ogni rinfrescata consiglio questo sito, curato da un'altra congrega di matti che leggevo già anni e anni fa.



P.S. Come ca°°o fate voi macachi ad usare una tastiera senza CANC non lo so, e non so nemmeno come facevo io

venerdì 18 luglio 2014

Per la serie "recuperati"

Mi ero dimenticato di avere scritto questa "cosa" - ben quattro anni fa - sul mio abbandonato profilo DeviantArt.
Però quella ragazza non me la sono dimenticata. Ogni tanto, anche se forse sempre più raramente, penso a lei e alla sua storia.


Ritornare solo per riportare

Tra i miei vizi di utente Internet, uno dei peggiori è quello di leggere più i commenti che le notizie. E di rispondere con pistolotti.


domenica 23 marzo 2014

L'Abito fa il monaco

Sono tempi strani questi. 

A inizio anno, stanco di un periodo della mia vita insoddisfacente che faceva seguito ad un altro strano periodo della mia vita che ha seguito la laurea, mi ero messo a fare una breve serie di buoni propositi. Tipo cambiare in meglio, vivere meglio la vita, decidere un po' cosa fare della sopracitata. 

Ecco, iniziamo con il dire che a modo mio - perché le cose le faccio sempre a modo mio, si direbbe - i buoni propositi li sto seguendo e forse anche realizzando. Un po' in ritardo, forse, 'che tipo solo ora mi rendo conto che li sto realizzando, ma ci sta. Due mesi di ritardo, dopo un anno, sono poca cosa. Forse. 

Per il compleanno di un amico della compagnia di Rho (perché ormai la mia nightlife è più a Rho che a Milano) avevo promesso di venire al concerto di Max Pezzali al Forum di Assago, lo scorso  Febbraio. Io non ascoltavo Max Pezzali da diverso tempo, e a malapena sapevo qualche nota di "L'Universo Tranne Noi". Mi ero promesso di recuperare su Spotify i due album di buio (dopo "Il mondo insieme a te" non ho più comprato suoi dischi) ma non l'ho mai fatto.
L'album di traino del concerto, MAX 20, era stato da me bollato come commercialata e buttato nel dimenticatoio alla sua uscita.

Tuttavia non avevo buttato nel dimenticatoio Max - il suo programma su Deejay TV mi aveva fatto conoscere il mondo della moto, e i miei amici sanno quante palle ho rotto loro sull'idea di comprarmi una moto (parlerò più avanti di come questo sia un sogno forse irrealizzabile).


Beh, insomma: finito il concerto ero diventato un Pezzaliano, a modo mio ma sempre pezzaliano. Ho riversato a computer tutti i miei vecchi dischi di bambino, e per un po' ho ascoltato solo 883 e Pezzali. Ogni tanto un po' di metal francese, ma giusto per staccare. Einaudi solo il sabato notte quando tornavo a casa stanco morto. Poi ci sarebbe l'attività corale, ma quella è un po' in pausa e sto studiando veramente poco. Aver comprato "I Cowboy Non Mollano Mai" non ha migliorato le cose: ora almeno una volta al giorno ne leggo qualche pagina, con circospezione e rapimento, sciorinando le pagine con il contagocce con il timore non solo di perdermi qualcosa, ma di finirlo troppo presto. 

Capiamoci: non sto crescendo nel mito di Max Pezzali. Sto crescendo nel mito di uno che ce l'ha fatta, è una cosa un po' diversa. Poteva essere Pezzali come gli 883 come Fiorello come Barry Gibb. Stavolta si sono accordati anagrafe, geografia e storia.


Comunque qualche molla in testa mi si è sbloccata. Tante piccole cose che magari c'erano già, avevo già notato, hanno iniziato a combaciare tra loro come un mosaico che non sapevo esistesse prima.
Remore di una adolescenza simile ma diversa negli esiti - Max una compagnia l'ha avuta fin da ragazzino, io ho dovuto aspettare i vent'anni per inaugurare la socializzazione che di solito ha un sedicenne - qualcosa degli Ottanta e dei Novanta di Max ha sgocciolato nel mio inconscio mutando, si direbbe, qualcosa nel mio modo di vedere la vita. 

Ho ripreso in mano la chitarra, ma con uno spirito un po' diverso. Ho iniziato a guardare il guardaroba e capire che metà di quella roba era da galera. Ho iniziato a fare tante piccole cose che magari facevo già, ma in un modo diverso. Una stronzata sopra tutte: ho iniziato a mettermi magliette e camicie sopra. La prima di quest'ultime è un regalo della mia ex che non avevo messo tipo mai. Sbagliavo solo l'uso, e ora non la darei via per niente al mondo. Lo so, sono cazzate, e anche cazzate un po' fuori moda (pensate che volevo mettermi sotto una maglietta degli 883, uno di queste settimane). So 1990s. So hipster. Sticazzi. La camicia a quadri da boscaiolo me la sono comprata perché mi piace, mica voglio essere Kurt Cobain la vendetta.

Però sono fatto così, sono le piccole cose che mi cambiano. L'abito fa il monaco. Non perché cambi effettivamente quello che c'è sotto la tonaca, ma perché se anche è una sorta di maschera, è una maschera che facilita il contatto tra l'io e il fuori. Ok, fine della parentesi psicologica però.

Nel frattempo ho partecipato ad una festa per San Patrizio dove ho conosciuto tante belle persone, ognuna con le sue storie, che mi dispiace solo non aver potuto sentire tutte. Ognuno di noi ha i suoi scazzi.

Lì ho capito che ci stavo dentro. 
I can't wait. Sono ancora un po' infangato, ma passa tutto.


P.S. in tutto questo, non vado in palestra da mesi, e 4-5 kg in più me lo ricordano. Ma lavoreremo anche su questo.


giovedì 13 marzo 2014

Terzo tempo

E' da veramente tanto che non scrivo più. Tanto tempo, davvero tanto. Forse nel tempo ripercorrerò tutte le cazzate che sono successe in questo anno, che sono poche ma nemmeno così poche.

Se una delle mie più grandi paranoie è il pensiero di non avere vissuto abbastanza cazzate nella vita, non posso nemmeno essere troppo crudele con me stesso e dire di non avere quantomeno provato a recuperare.

Da un po' pensavo di scrivere quel che mi succede, come con i vecchi cari blog di una volta, i diari digitali: eppure non ho mai trovato un momento per farlo. Sono passati 12 mesi e non ho mai trovato un momento per me. Vi sembra normale? A distanza di 7 anni dall'ascolto, capisco il senso di alcuni brani di "Time Out" di Max Pezzali. Forse questo non è il mio secondo tempo, ma se a Capodanno avevo promesso a me stesso che il 2014 sarebbe stato un momento di raccoglimento prima di spiccare il volo di nuovo, nulla mi vieta di iniziare già a correre. Sono partito tardi, dopo due mesi volati praticamente via dalle mie mani?

Riconosco la cazzata, e come al solito non so darmi una spiegazione. Non una concreta. Capita. Prendo nota e vado avanti.

Scrivo questo avendo letteralmente davanti agli occhi "I Cowboy non Mollano Mai" di Max Pezzali. Sono davvero contento del mio acquisto. E non avete idea di quanto certe volte invidio quel che leggo. Ma anche se parto con 10-5 anni di ritardo, sono sempre in tempo.